And the winner is… Michela!

Tag

, , , , , , , , , , , ,

Michela, the winner, a casa propria insieme a Michele Bravi, the singer

Da un po’ di tempo tutto ciò che scrivo riguarda in qualche modo la musica. Dev’essere la primavera che si avvicina, nonostante proprio ora fuori dalle mie finestre stia nevicando come se fosse Natale.
Pochi giorni fa vi avevo raccontato una storia “musicale” a lieto fine, della mia giovane amica Michela e di un sogno inseguito con tenacia e bravura, tanto che… si è realizzato!
(Se per caso vi siete persi il post vi consiglio di leggerlo ora, che sennò poi andando avanti non tutto vi sarà chiaro. Fatto? Bene!)

Oggi, come promesso, maggiori dettagli ed emozioni ce li facciamo raccontare direttamente da Michela, che mi ha rilasciato quella che a tutti gli effetti è la mia prima intervista. E di ciò naturalmente la ringrazio.
Eccola qui.

Continua a leggere

Un invito che non si può rifiutare

Tag

, , , , , , , , , , ,

La musica sa raccontare storie di rara bellezza, al tempo stesso semplici e straordinarie. Siano esse proprie della musica in sé, contenute in opere, arie e canzoni, o che dalla musica vengano ispirate e rese possibili.
Questa, di cui vi parlerò oggi, è una storia del secondo tipo, cioè di quelle “ispirate”. Oltre alla musica, e per mezzo di essa, ha per protagonisti due ragazzi accomunati non solo da una grande passione artistica, ma addirittura – per una di quelle combinazioni che sembrano studiate apposta per una canzone – dallo stesso nome: Michela, e Michele.
Continua a leggere

Armonia primordiale

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , ,

E’ un periodo, questo, in cui scrivo con una certa costanza, almeno un paio d’ore al giorno. Ma non posto quasi nulla.
Butto giù pagine su pagine di cui non riesco a ritenermi soddisfatto, rifinisco, aggiungo una parola, ne tolgo tre, ne cambio qualche altra. E quando credo infine di essere pronto, sento che manca ancora qualcosa; un’ultima rilettura, un dettaglio che potrei aver dimenticato, l’incerta scorrevolezza di una frase.

Continua a leggere

Ode barbarica

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Alessandro Baricco

Il post che segue è di fatto un crossover che coinvolge (quasi) tutti i miei blog, e costituisce un ottimo esempio di cosa significhi porre tutti i miei interessi, ricordi e sfaccettature “sotto un unico cielo”.
E’ un post che nasce su Hazen Mavi perché è così che l’avevo immaginato e scritto, otto anni fa, attingendo ad appunti a loro volta risalenti da 3 a 10 anni prima: come una lettera dal mio alter ego Bill al suo amico Dave.
Ed è così che ho voluto lasciare il testo, pur con le opportune revisioni.
Anzi, a dirla tutta, è così che in quell’occasione avevo scritto l’intero susseguirsi di analisi e riflessioni sul perché scrivo, che ho riproposto a puntate su Nove fiori gialli a partire da qui, e del quale Filosofia mutante rappresenta la conclusione. Quanto meno dell’indagine – per così dire – letteraria.
Continua a leggere

Ground control to Dave and Fred

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , ,

Penso a David e mi viene in mente Freddie.
Il primo album in CD lo acquistai a vent’anni, a Cuneo, mentre ero in servizio militare. A pensarci adesso, mi sembra ovvio. Lo spartiacque fra un passato di musicassette, con il nastro che ogni tanto si attorcigliava e dovevi buttare tutto, e il futuro lungo fin qui un quarto di secolo, con decine di dischetti nelle loro custodie quadrate di plastica, allineati e coperti sugli scaffali del mio studio, fu nel medesimo luogo in cui vent’anni prima ero nato anch’io.
Continua a leggere

Gorgeous!

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ieri la mia attività di blogger ha compiuto 4 anni, entrando dunque nel quinto.
E per festeggiare la ricorrenza con un post leggero e colorato, ho pensato di proporvi le immagini di un particolare oggetto da poco affacciatosi sul mercato.

Si tratta nientepopodimeno che di un diorama di Goldrake (Ufo Robot Grendizer) alto ben 80 centimetri, con la possibilità di variare alcuni armamenti. Per il piccolo otaku che è in me, per il quale l’avvento in tv di Ufo Robot è stata un’epifania paragonabile a quella già vista per il Sandokan televisivo, un prodotto simile costituisce una perfetta sintesi romantica fra i più bei ricordi di un’infanzia felice e il sogno proibito di un collezionista.
Il perché lo definisca proibito, sarà chiaro fra poco. Ma poiché sognare non costa nulla, mi rifaccio gli occhi con le fotografie di cotanta meraviglia, e nel frattempo vi fornisco qualche dato in più sul pregevole articolo:
Continua a leggere

Mompracem!

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

© Julian Vlad 1997

© Julian Vlad 1997

A volte mi domandano da dove nasca la mia passione per le tigri.
Considerata la superba bellezza, l’eleganza e il fascino dell’animale, non ci sarebbe in nessun caso da stupirsi, di fronte al mio palesare un amore incondizionato per queso nobile grande felino; anche a voler tralasciare, per un attimo, le mie inclinazioni animaliste.
Ma oltre a questo c’è di più.
C’è di più personale, di intimo, che affonda le proprie radici negli incanti dell’infanzia. In quei momenti che rimangono per sempre impressi, nel ricordo, con vivida chiarezza; e, al tempo stesso, come sospesi tra sogno e realtà.
Continua a leggere

11 Settembre 2001 (#SottoUnUnicoCielo)

Julian Vlad

UR_9_11_01Questo non è uno dei miei consueti post.
In primo luogo, perché non è un post, ma un vero e proprio articolo, di oltre 4000 parole. In secondo luogo, perché è una cosa che non ho scritto adesso, ma 14 anni fa, a corredo di una tesina per un’amica che frequentava l’Accademia di Belle Arti.
In terzo luogo, ultimo ma più importante di tutti, perché pur sotto forma di commento a un’opera di fantasia (che, come leggerete, di fantasia purtroppo ne contiene ben poca) costituisce un tributo. Alla memoria.

INTRO

UNA STORIA COME UN’ALTRA (?)

E’ lecito supporre che chiunque entri in un’edicola con l’intento di comprare un albo a fumetti, e si appresti più tardi a leggerlo, in cuor suo sia pienamente consapevole (e forse anche desideroso) di accostarsi ad un’opera di pura invenzione, qualunque sia l’argomento trattato o il contesto più o meno realistico in cui si svolga…

View original post 4.137 altre parole

Sotto un unico cielo

Julian Vlad

Brandon Lee, The Crow © Julian Vlad 1996. Matita e china, riprodotto da un'elaborazione grafica di autore sconosciuto Brandon Lee, The Crow © Julian Vlad 1996. Matita e china, riprodotto da un’elaborazione grafica di autore sconosciuto

Questo è un periodo di cambiamenti. O, per meglio dire, di evoluzioni.

Alcune cose, come le cattive abitudini, tendono a restare le stesse.
Ma a volte (evviva!) si scopre che è possibile cambiarle.
Una delle mie cattive abitudini è sempre stata quella di lasciarmi trasportare dall’entusiasmo, e annunciare novità che poi, quale ne sia stato il motivo, non sono riuscito a concretizzare. Stavolta no. Perché il cambiamento è già in atto, e ciò che avevo in mente di fare lo sto realizzando proprio ora.

Ho scelto di illustrare questo post con il disegno qui sopra, perché mi ricorda, appunto, un momento come quello attuale. Il preciso giorno di 19 anni fa in cui, a partire da uno spiacevole imprevisto, gli eventi si misero in moto, sprofondandomi in una crisi che investì ogni aspetto della mia vita.
Nel giro…

View original post 1.126 altre parole

Ma tu sai chi erano gli Zeppelin?

Julian Vlad

led-zeppelin-blimp-1024x784

Da alcune settimane sto ascoltando parecchia musica. Mentre lavoro, mentre disegno, o mi occupo di altre cose che comunque mi consentano di tenere almeno un orecchio attento e vigile.
In pratica sto facendo suonare tutti i miei cd, con un duplice, anzi triplice, intento: il piacere di gustarmi album e singoli pezzi che non sentivo da un po’, riscoprendone magari alcuni (a volte scoprendoli del tutto, perché in occasione dei primi ascolti non li avevo capiti); passarli uno dopo l’altro sul pc per salvarmene una copia di backup in mp3; valutare se questo o quel cd, una volta salvati in digitale i due-tre brani che ne valgano la pena, possano essere ritenuti superflui e smerciati su eBay senza troppi rimpianti.
Attività, quest’ultima, che dato il mio periodico indulgere allo shopping compulsivo, sia on-line che di viva mano (di svariate cose che non potete immaginare, mica solo di musica… so di essere un caso…

View original post 926 altre parole

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.